Profilo dell’artista

Carla Bruschi

L’amore salverà il mondo: Carla Bruschi è un a pittrice che trasferisce sulle sue tele il disordine, il disorientamento, che i temi di attualità suscitano in lei.

Il percorso artistico di Carla Bruschi inizia in giovane età e da subito la sua pittura non indaga le forme, bensì lo spirito che le anima. Ha frequentato i corsi liberi all’Accademia di Brera. Ha sempre rappresentato nelle sue opere d’arte, la sua realtà, contaminata dai limiti umani che una donna coraggiosa incontra sul suo percorso di autodeterminazione nella società moderna. Anche quando si arricchisce nel tempo di nuove formule espressive che integrano materiali come sassi, specchi rotti, stoffe, interpreta i grandi temi dell’attualità indagando a fondo nei sentimenti di chi la circonda. Calamitata dalla bellezza e dalla creatività del mondo della moda, crea abiti, accessori, oggetti d’arredo. Dalla ricerca di nuove formule espressive nascono gli Alieni, arte da indossare: una collezione di gioielli che Carla compone pezzo per pezzo, uno ad uno, mossa da istinto, piacere del contatto ed empatia con tutto ciò che di immateriale e di ignoto la sfiora. Ha esposto le sue opere artistiche nelle migliori Gallerie nazionali e europee. La consacrazione come artista poliedrica arriva con le sue due ultime mostre milanesi patrocinate da Regione Lombardia: nel 2015 alla Casa Museale Tadini, e nel 2016 alla Società Umanitaria. Critica e pubblico hanno riconosciuto la grande capacità di Carla di leggere con occhi critici e propositivi il nostro tempo. Nel 2019 la Fondazione Bulgari ha donato un’opera dell’artista Carla Bruschi alla nuova scuola di arti e mestieri di Ostia, dedicata ai bambini e ai ragazzi disagiati, realizzata dall’ong Save The Children. Nel 2019, a Venezia in occasione della Biennale, Carla Bruschi partecipa alla Mostra collettiva a Palazzo Zenobio. Nel 2020 è programmata un’esposizione alla Camera dei deputati con il progetto sociale Donne a Perdere. Nel mese di settembre 2020, durante il Festival del Cinema di Venezia, due sue opere sono state scelte per l’esposizione alla Venice Art Gallery, riscuotendo consensi dalla critica. Per il 700° anniversario della morte di Dante Alighieri, una tela di Carla Bruschi è stata scelta per partecipare alla rappresentazione della Divina Commedia illustrata e promossa dal critico d’arte Giorgio Gregorio Grasso, presso il Palazzo Rocca Brivio Sforza di San Giuliano Milanese a luglio del 2021. Nell’estate del 2022 con la personale intitolata “Ti parlerò d’amore”, l’artista ha esposto i suoi lavori alla Ravenna Art Gallery. Nel corso del mese di ottobre dello stesso anno partecipa ad una mostra collettiva presso la Galleria Monza International Art.  A settembre del 2023, presso la Borsa Valori di Milano a Palazzo Mezzanotte si è svolta l’esposizione di tele-denuncia su fondo oro della pittrice Carla Bruschi dal titolo “Il silenzio degli Ultimi”, 20 opere nelle quali Carla Bruschi denuncia la povertà e le contraddizioni del mondo contemporaneo. Il convegno Solidarietà, categoria giuridica, economica, morale e statistica,che ha aperto la Mostra di Carla Bruschi, svoltosi nella Sala Scavi, ha ricevuto la Solenne Benedizione apostolica di Papa Francesco. La carta stampata, i magazine online e le tv hanno recensito più volte i lavori di Carla Bruschi apprezzando il taglio attuale e moderno delle sue opere. Oggi googlando il suo nome sui motori di ricerca, non si contano più le citazioni ricevute.

Momenti

La serie Momenti è stata realizzata al culmine della maturità artistica di Carla Bruschi,  un’ istantanea sulla storia dei soggetti di Carla, che riesce a fissare il loro sentimento, nella contemporaneità delle proprie vite, cogliendo il momento di massima espressione.

La speranza

Sempre attenta alla contemporaneità, negli istanti più bui quando la pandemia sembrava non fermarsi, la pittrice Carla Bruschi ha saputo trasformare la malinconia del momento in un messaggio di speranza per l’intera umanità.

Amore

Questa serie di disegni di Carla Bruschi è dedicata completamente all’amore,  i testi sono di Carla e Grazia Bruschi. Le opere sono state realizzate durante il primo lockdown del 2020, e sono oggetto di una riflessione dell’artista sul sentimento dell’amore che lega le persone anche più lontane con l’impeto e la passione che solo le donne riescono a trasmettere con i loro sguardi.

Tatuaggi dell’anima

Serie speciale realizzata per il matrimonio di Carla e Gian Stefano, Milano 9 giugno 2022.

Cavallieri

I ventitré quadri della serie realizzata nel 2016, rappresentano Cavalieri al tempo delle crociate, inseriti in un contesto attuale, reso caotico dall’esposizione mediatica continua a cui siamo sottoposti. Cavalieri Crociati o Mori di paesi lontani, con le loro contradizioni, che si ergono a paladini dei valori della nostra cultura e della nostra storia. La capacità di anticipare e leggere la contemporaneità, in un momento dove le grandi problematiche che attanagliano il nostro tempo, causano paure e angosce a molte persone

Fiabe

Uno straordinario momento creativo dell’artista, ha dato vita ad una serie unica e irripetibile di dipinti di arte contemporanea. Carla Bruschi ha rivisitato a modo suo i classici delle fiabe per bambini, contrapponendo quei mondi fatati alle contraddizioni del consumismo dei giorni nostri. I protagonisti di questo mondo parallelo creato dalla poliedrica ed e ecclettica pittrice piacentina di nascita e milanese di adozione, si misurano con il nostro mondo, che va veloce e sempre di corsa.

Le sue opere

Momenti

La speranza

Amore

Tatuaggi dell’anima

Cavalieri

Fiabe

Il silenzio degli ultimi

Ricevi aggiornamenti di questo ed altri artisti